SEO Semantica

SEO Semantica. Di cosa deve parlare un buon sito

Rispetto a qualche anno fa, la SEO Semantica ha assunto un ruolo molto più importante. Una volta era possibile “ingannare” i motori di ricerca inserendo parole chiave nascoste nel testo ed altri elementi per indicizzare le pagine web. Oggi si dà un ruolo più importante al valore dei contenuti quindi il testo è diventato veramente fondamentale per le pagine. Vediamo nello specifico che cos’è la SEO Semantica e in cosa è diversa dalla SEO Tecnica.

Comunicare contenuti di valore

Una campagna SEO ha come sua caratteristica prin­cipale la divulgazione di informazioni sempre più fresche ed interessanti. Infatti, se in una strategia Seo la parte della Seo Tecnica una volta occupava un ruo­lo predominante, adesso rappresenta soltanto una serie di procedure volte a comunicare meglio con Google e con gli altri MdR (Motori di Ricerca) mentre il contenuto ha assunto un ruolo fondamentale. Il Seo Content è la parte più importante ed anche i social network al momento sono diventati rilevanti ai fini Seo (i link che rimandano ai nostri contenuti da un social network sono una forma di gradimento indicativo e che merita un discorso a parte).

Content is the King

Hai già sentito questa frase? Significa che “il contenuto comanda” ed è la frase più utilizzata dai professionisti che si occupano di SEO. Nell’articolo sulla SEO Tecnica ti ho già anticipato quanta importanza abbia assunto il contenuto grazie agli algoritmi di Google. Ti basti pensare che le informazioni a nostra disposizione aumentano in modo esponenziale, si dice che ogni 10 mesi il mondo raddoppi le informazioni in suo possesso. Capisci bene che per un MdR che deve rispondere alle domande degli utenti in modo attendibile e puntuale gli algoritmi di analisi sono fondamentali.

La strategia che riguarda la produzione per il web di contenuti testuali e non, a fini promozionali può essere definita SEO Content Marketing. Questo perché i MdR canalizzano e con­dizionano percentuali sempre più alte di acquisti on-line ed acquisti off-line e tengono conto di cen­tinaia di fattori per valutare le pagine da proporre, oggi l’attività SEO è diventata centrale in una piani­ficazione di Content Marketing.

Elementi di SEO Semantica

Vediamo di cosa si tratta nello specifico. Quando parliamo di contenuti di valore per un sito non ci riferiamo solo a qualcosa che sia piacevole da leggere, infatti non sempre un testo ben scritto sulla carta funziona anche per il web, è per questo motivo che stiamo parlando di SEO Semantica. Di seguito ti indicherò alcuni elementi che devono essere presenti nel testo affinché sia trovato facilmente dai MdR.

  • I TAG. I Tag sono delle etichette. Inserire delle etichette nel testo significa catalogare i temi che vengono affrontati nel testo aiutando i MdR a capire se si tratta o no di un testo interessante ai fini della domanda. Affinché il tag abbia un senso, deve approfondire un argomento di cui si parla anche in un altro articolo, quindi è importante che un tag sia comune a più articoli.
  • I LINK INTERNI. I Link Interni sono collegamenti tra le pagine dello stesso sito. Un buon modo per utilizzarli è collegare pagine di approfondimento alle pagine principali, oppure collegare articoli relativi ad un determinato argomento a quelle pagine in cui lo stesso viene citato. L’uso dei link deve essere sapiente così come per gli altri elementi. Un utilizzo eccessivo o non giustificato può essere penalizzato da Google.
  • META TAG TITLE. Il tag title è l’elemento più importante per Google ed è l’informazione che può convincere maggiormen­te l’utente a fare click su un risultato piuttosto che su un altro tra quelli proposti nella Serp. Il primo passo è scegliere title più simili possibile alle query più frequenti. Il tag title si imposta nel codice della pagina, oppure si possono utilizzare dei plug-in appositi forniti per i Cms
  • META TAG DESCRIPTION. È il secondo fatto­re più importante per la SEO in quanto ci permette di anticipare i contenuti della pagina più rilevanti (segnalare argomenti specifici, sconti, regali, bo­nus).
  • H1. È il titolo principale della pagina e va segnala­to nel codice. Deve essere scritto preferibilmente in grassetto, con un carattere di dimensioni superiore rispetto al resto del testo
  • H2. È il titolo dei paragrafi successivi dello stesso testo, possono essere più di uno.

Per creare dei contenuti di valore e rispettare le regole della Seo Semantica, dunque, è necessario porsi delle domande che rispondano a tutti gli elementi sopra indicati. Il modo più semplice è quello di mettersi nei panni dell’utente che sta cercando servizi simili ai nostri ed inserire – in modo consapevole – nei testi le parole chiave della ricerca attraverso gli h1, h2, tag etc… Per trovare le parole chiave giuste ci sono tanti strumenti online ma, ripeto, prima di interrogarsi sulla parola da usare è sempre bene chiedersi cosa cerca l’utente, in modo da generare un traffico utile e mirato che giochi a vantaggio del sito.